Home SERIE TV SERIE SKY Gomorra; Chi è lo stregone nella realtà ?

Gomorra; Chi è lo stregone nella realtà ?

32677
1
Gomorra

Gomorra; Chi è lo stregone nella realtà ?

Dopo aver tristemente scoperto che Gomorra 5 sarà l’ultima stagione della serie, quantomeno possiamo essere contenti del fatto che le riprese della quinta stagione di Gomorra continuano senza intoppi. Nell’attesa di scoprire come finiranno le storie di Ciro Di Marzio e di Gennaro Savastano, abbiamo iniziato una serie di approfondimenti.

Infatti, sulle nostre pagine abbiamo parlato di quale sia stata l’ispirazione di Gomorra la serie, e di quali siano le location in cui è stata girata Gomorra.

Oggi, invece, vogliamo approfondire un personaggio che ha saputo attirare l’attenzione su di sé nel corso della terza stagione, ovvero don Ruggero ‘o Stregone, interpretato da Carlo Cerciello.

Il Vecchio Boss

Il vecchio boss che controllava il Rione Sanità di Napoli ed era a capo dei Confederati, è stato una figura centrale nel corso del terzo ciclo di episodi della serie, prima di trovare la morte per mano di Ferdinando ’o Crezi Capaccio (Carlo Caracciolo). La domanda che ci poniamo oggi, quindi, è: a chi sarebbe ispirata la figura di ‘o Stregone? Scopriamolo insieme.

Gomorra,Don Ruggero

La figura di don Ruggero potrebbe essere ispirata a quella di Giuseppe Misso, detto ‘o Nasone: egli infatti comandava la maggior parte di operazioni di droga negli anni ’80 nel centro di Napoli, ed era a capo proprio del Rione Sanità.

Durante lo scontro che vede opposte nel 1979 la Nuova Famiglia e la Nuova Camorra Organizzata, Misso decide di rimanere neutrale, non schierandosi con nessuna delle due fazioni, almeno fino al 1981, quando deciderà di schierarsi con la Nuova Famiglia.

Dopo essere entrato e uscito di prigione varie volte, dal 2007 Misso si dichiara pentito e decide di collaborare con le forze dell’ordine:

sebbene inizialmente si dimostrasse piuttosto restio alla piena collaborazione, dichiarando solo poche cose e non particolarmente scomode, successivamente deciderà per la piena cooperazione, che gli varrà il riconoscimento della circostanza attenuante secondo il decreto antimafia. Attualmente si trova nel carcere di Spoleto, dove sta scontando 20 anni per omicidio. È sotto programma di protezione da luglio del 2011.

Fonte:https://serial.everyeye.it/ – Andrea Verdino

 

Leggi Anche:

DI LAURO; la storia del clan che ha ispirato Gomorra

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui