Home FILM, CINEMA E SERIE TV Il ragazzo di campagna: qualche curiosità che forse non sapete sul cult

Il ragazzo di campagna: qualche curiosità che forse non sapete sul cult

580
0
il Ragazzo di campagna

Il ragazzo di campagna: qualche curiosità che forse non sapete sul cult

Fonte:di Daniela Catelli – https://www.comingsoon.it/

Diretto da Castellano e Pipolo nel 1984, con Renato Pozzetto in un ruolo pensato inizialmente per Enrico Montesano, Il ragazzo di campagna è una delle commedie di maggior successo del comico milanese.

Tra i film del neo ottantenne Renato Pozzetto (auguri!) uno dei cult è Il ragazzo di campagna, uscito nel 1984 e diretto dal noto duo Franco Castellano e Giuseppe Moccia (padre di Federico Moccia), in arte noti come Castellano e Pipolo, che ne furono anche sceneggiatori. Al personaggio dell’ingenuo campagnolo trapiantato infelicemente nella metropoli milanese (proprio all’epoca della “Milano da bere”), Artemio, e alle battute del film, è dedicata una attivissima pagina Facebook. Con Pozzetto c’erano nel cast l’amico e collega al cabaret Derby Massimo Boldi, la star veterana del cinema italiano Massimo Serato e indimenticabili caratteristi come Enzo CannavaleFranco DiogeneEnzo Garinei e Jimmy il fenomeno, mentre le ragazze, meno note, erano interpretate da Donna Osterbuhr (Angela) e Sandra Ambrosini (Maria Rosa, anche lei con una ricca pagina Facebook). Il ruolo di Pozzetto, che gli calza a pennello, pare fosse stato inizialmente pensato per Enzo Montesano, che dovette rinunciare perché già impegnato con I due carabinieri. Ma vediamo insieme di scoprire qualche curiosità su questo film tanto amato, uscito per la prima volta in dvd nel 2017.

Le location e la vera casa del Ragazzo di campagna

Come per molti altri film diventati di culto – dei quali il più noto è La casa dalle finestre che ridono di Pupi Avati – legioni di appassionati vanno alla ricerca delle location in cui è stato girato Il ragazzo di campagna, incuranti del fatto che buona parte delle scene si gira in interni, che le geografie cinematografiche avvicinano luoghi tra loro anche lontani e che negli anni il paesaggio cambia. Sull’ambientazione campagnola del film con Renato Pozzetto però c’è un’ampia documentazione in rete. La casa dove Artemio abita con la madre, un vecchio casinale, è stata a lungo in stato di abbandono, finché non è stata acquistata e ristrutturata da una signora che quattro anni fa è stata intervistata in proposito da “Il Giorno” di Pavia. La casa si trova infatti non a Casoni, ma a Molino d’Isella, a Gambolò, in Lomellina, nella provincia paese dove sono state girate diverse scene. La signora, che è legata al luogo fin dall’infanzia e non è una fan del film, raccontava alla cronista: “Quando passano ancora in televisione Il ragazzo di campagna provo una piacevole sensazione nel vedere la mia casa sullo schermo, anche se in realtà la maggior parte del film è stata girata altrove, vicino a Pavia. La mia casa è stata protagonista di una scena, all’inizio della pellicola, e quando Pozzetto tira una scarpa dietro un gallo”. Se vi trovate a passare da quelle parti e siete sufficientemente educati, provate a suonare al campanello: la signora ha già avuto a che fare coi fan del film ed è anche disposta a mostrare la propria abitazione di cui è, giustamente, piuttosto orgogliosa.

La ragazza di città del Ragazzo di campagna: Donna Osterbuhr

Angela, la ragazza che il campagnolo Artemio incontra a Milano e di cui si incapriccia (anche se alla fine gli preferirà la genuina Maria Rosa), nonostante il nome che denota le origini tedesche, era interpretata da una modella e attrice americana di Omaha, Donna Osterbuhr. Anche lei è stata rintracciata e intervistata per la testata web teatrocinemaenews, e dopo aver interpretato quello che era il suo primo film (ovviamente doppiata, perché la sua conoscenza dell’italiano era prossima allo zero), è apparsa anche in Yado, prodotto da Dino De Laurentiis, con Arnold Schwarzenegger e Brigitte Nielsen (era la sacerdotessa Kendra). In seguito, dopo un paio di apparizioni in film americani che non risultano nemmeno su IMDB, ha abbandonato il mondo del cinema per la moda, dove ha lavorato come truccatrice. Oggi fa la fisioterapista e vive proprio nella campagna americana. Non è mai stata tifosa della Juve e non ha mai incontrato Platini, ma ricorda con grande affetto l’esperienza sul set e la grande simpatia e professionalità di Renato Pozzetto. E, a proposito di quanto detto sopra, nel film le scene ambientate a casa di Angela sono state girate a Cinecittà.

LEGGI ANCHE:

I Goonies un cult anni 80 rivediamo il trailer originale

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui